Un breve ricordo di Leonardo Maugeri

La settimana scorsa è scomparso, a soli 53 anni, Leonardo Maugeri. I media nazionali e internazionali ne hanno ricordato i meriti di stratega e analista delle fonti di approvvigionamento energetico, sottolineando le profonde e spesso rivoluzionarie intuizioni in materia di prezzi del petrolio che hanno accompagnato la sua straordinaria carriera, sia come dirigente dell’ENI sia come studioso presso il Belfer Center dell’Università di Harvard. Noi che l’abbiamo conosciuto studente di dottorato al Cesare Alfieri, però, lo ricordiamo come il giovane storico delle relazioni internazionali, autore di una brillante tesi divenuta il suo primo libro, L’arma del petrolio¸ che fu anche uno dei più riusciti tentativi di inquadrare storicamente e con una rigorosa ricerca di archivio la figura di Enrico Mattei; e lo ricordiamo altresì come l’appassionato sostenitore di una delle tante entusiasmanti avventure in cui ci coinvolse il Professor Di Nolfo, la Fondazione Pegaso, che vide molti di noi raccogliersi intorno alla figura del Maestro con la speranza di riuscire a coniugare impegno culturale e politico nella drammatica fase del collasso della prima repubblica. La scuola fiorentina saluta commossa il grande studioso e l’amico di un tempo.

La Scuola fiorentina

I commenti sono stati chiusi.